CONFETTURA EXTRA DI MANGO KENYA – 72% di frutta

3,80

La confettura extra di mango contiene almeno il 72% di frutta fresca coltivata naturalmente e con l’aggiunta di solo zucchero di canna integrale; ha colore giallo ocra, sapore dolce e mieloso e consistenza cremosa.

La denominazione generica di “agrumi” viene qui preferita a quella specifica (arancio, limone, clementine ecc.) sia perché a livello analitico risulta impossibile discriminare le specie di provenienza, sia perché molto spesso si tratta di mieli di effettiva provenienza mista.

Le differenze tra i mieli monospecifici del genere Citrus inoltre non sono sufficientemente note e costanti per poter permettere il controllo di eventuali denominazioni specifiche.

Descrizione

340 g

Confettura extra di mango del Kenya: dolce e mieloso, consistenza cremosa. Con zucchero di canna.

Related products

400 G

Il miele biologico di Sulla è nel panorama di tutti i mieli biologici, uno dei più pregiati benchè poco conosciuto. La sua scarsa diffusione è legata alla sua scarsa produzione. Ottenuto dalla Sulla, un’infiorescenza di una pianta appartenente alla famiglia delle leguminose.

Ottima alternativa al miele di acacia, è in realtà meno dolce. Si presenta di un colore molto chiaro, quando dopo pochi mesi si cristallizza, tende al bianco. Profumo e sapore sono estremamente delicati proprio come il colore preannuncia. Una nota vegetale e fruttata rende estremamente piacevole l’assaggio mediamente dolce.

Tra le sue qualità benefiche si segnala l’ottima presenza di vitamine A, B e C, è un ottimo diuretico, lassativo e depurativo per il fegato. Ottimo potere energizzante.

300 g
Un nettare a base di miele e cannella, con miele millefiori biologico dal Messico, arricchito con fine polvere di cannella, spezia ricca di oli essenziali e proprietà preziose.
300 g
Miele varietà millefiori prodotto in Messico, non pastorizzato. In vasetto da 300g

400 G

Miele italiano di Acacia

questa sezione raccogliamo i nostri prodotti a base di miele, rigorosamente biologico, piuttosto che DOP o biologico DOP dei produttori della Lunigiana.

Il territorio interessato alla produzione, trasformazione, elaborazione e condizionamento del “Miele della Lunigiana” si estende per circa 97.000 ha. della provincia di Massa-Carrara, comprendendo per intero i seguenti Comuni: Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano, Fosdinovo, Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Pontremoli, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri.
L’ areale della zona di produzione è costituito da un unico corpo e corrisponde interamente al territorio dell’attuale Comunità Montana della Lunigiana i cui confini geografici coincidono quasi interamente con quelli costituiti dagli spartiacque montani che delimitano la Lunigiana dalle altre valli limitrofe.

Il miele della Lunigiana merita di essere valorizzato a livello istituzionale per i seguenti aspetti dell’apicoltura:
l) omogeneità del territorio, che pennette una produzione costante con importanti caratteristiche di
uniformità;
2) ambiente naturale intatto, non compromesso da industrializzazione e da inquinamenti forzati, che
garantisce un prodotto finale completamente sano;
3) presenza di colture spontanee e coltivate (Castagno ed Acacia) ad ampia diffusione, che garantiscono produzioni competitive per le caratteristiche organolettiche e con fioriture tali da consentire sicure produzioni monoflorali;
4) potenzialità di sviluppo del settore, testimoniata dalla diffusa pratica del nomadismo dall’esterno di aziende leader del settore, attirate dalla garanzia di produzioni con caratteristiche superiori per qualità e quantità;
5) indicatori sicuri di tipicizzazione, evidenziati dall’Istituto di Entomologia Agraria di Perugia, che autorizzano a considerare il miele della Lunigiana un “unicum” a livello nazionale

400 g

Si ottengono abbondanti produzioni di mieli uniflorali di agrumi nelle aree di coltivazione intensiva di queste specie, nelle zone meridionali e insulari.

In Italia non vengono generalmente importati mieli di agrumi di altra provenienza, ma nel mondo sono note le produzioni di Spagna, Israele, California e Messico.

Si tratta di uno dei mieli uniflorali più apprezzati per l’intensità e la finezza dell’aroma.

La denominazione generica di “agrumi” viene qui preferita a quella specifica (arancio, limone, clementine ecc.) sia perché a livello analitico risulta impossibile discriminare le specie di provenienza, sia perché molto spesso si tratta di mieli di effettiva provenienza mista.

Le differenze tra i mieli monospecifici del genere Citrus inoltre non sono sufficientemente note e costanti per poter permettere il controllo di eventuali denominazioni specifiche.